placeholder Gruppi di Acquisto Solidale  
spacer ·   Prima pagina   ·   Notizie   ·   Documenti   ·   Gruppi   ·   Links   ·   Da scaricare   ·   F.A.Q.   · spacer
  Marted́, 23 Gennaio, 2018 - Ciao ospite
 
 

Menu principale
· www.economiasolidale.net

Risorse
· Cosa sono i Gas
· Per la stampa
· Documenti
· Da scaricare
· Video
· Bibliografia

Contatti
· E-mail
· Mailing-list

Altro
· Cerca nel sito

Archivi G.A.S.
· Archivio gruppi
· Archivio produttori autosegnalati

Online
Abbiamo 98 ospiti e 0 iscritti in linea.

Non siete registrati?
Potete farlo con un click qui.


Login
 



 


Registrazione

Recupero pwd smarrita.



Nuova sede per l'ente agrario

Orzinuovi: la spesa si fa al Consorzio

Potrà vendere al dettaglio prodotti alimentari biologici

di Riccardo Caffi



Rassegna stampa Il Consorzio agrario di Orzinuovi potrà disporre di una struttura moderna ed efficiente per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari, a cominciare da quelli biologici.
Uno dei primi interventi della nuova amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto Faustinelli ha infatti riguardato la modifica della variante al Piano regolatore - diventato da poco operativo a tutti gli effetti - per individuare l'area da destinare alla edificazione della nuova struttura del Consorzio e per consentire all'ente agrario di vendere al dettaglio in spazi adeguati i beni alimentari prodotti nella zona.
Il Consorzio orceano sorge attualmente nell'area artigianale a ovest del paese, individuata dal comune a ridosso del tracciato della vecchia ferrovia Rovato-Cremona, dismessa nel lontano 1956, dove si erano localizzate negli anni Cinquanta e Sessanta piccole attività artigianali i cui capannoni sono attualmente vuoti o occupati solo saltuariamente, perché inadeguati alle moderne esigenze della produzione, e dove lo strumento urbanistico negli anni '90 aveva previsto due nuove lottizzazioni produttive mai realizzate.
La variante al Prg - approvata alla fine del 2003 dalla precedente amministrazione e riconfermata il mese scorso dalla coalizione che ha vinto le elezioni - individua nel comparto dell'ex ferrovia una delle nuove aree residenziali del comune e trasferisce le vecchie superfici artigianali, compresa quella del Consorzio agrario, accorpandole nella nuova zona produttiva di viale Adua. L'operazione consente al Comune di recuperare a ovest dell'abitato quasi 29.000 metri quadri di zona artigianale dismessa e 35.000 metri quadri per lottizzazioni produttive mai realizzate sui quali potranno essere ricavati alloggi per quasi 60 mila metri quadri.
Con l'approvazione della variante al Prg l'amministrazione comunale di Orzinuovi ha destinato alle attività produttive una considerevole area che misura circa 186.000 metr quadri - per complessivi 111.500 metri quadri di superficie coperta -, che dovrebbe soddisfare il fabbisogno delle imprese orceane per i prossimi dieci anni.
La nuova zona produttiva è stata predisposta in un unico comparto, individuato, a nord dell'area industriale esistente, tra la strada provinciale per Chiari e l'ampia curva formata dalla tangenziale che prolunga la ex statale 668 Lenese in direzione di Soncino. La variante adottata dal comune di Orzinuovi si configura come un ampliamento del comparto esistente lungo via Adua ed insiste su terreni la cui vocazione agricola è stata compromessa, per non dire annullata, dal tracciato dell'arteria stradale che, correndo a nord del paese, ha frazionato gli appezzamenti e reso diseconomica la conduzione delle aziende agricole.
Nella nuova zona produttiva troverà posto anche il Consorzio agrario, che sarà autorizzato, come avviene adesso, a vendere anche derrate alimentari al dettaglio.
"Lo strumento urbanistico ammette solo medie strutture commerciali fino a 2500 metri quadri di superficie, non destinate alla vendita di alimentari - spiega l'assessore ai Lavori pubblici Luca Magli -. Noi non vogliamo che il Consorzio agrario diven ti un altro supermercato, tuttavia all'interno della nuova sede, dove potranno venire commercializzati prodotti agricoli, una parte dell’area, limitata a 500 metri quadri, potrà essere destinata alla vendita di alimentari, compresi quello biologici". Presto insomma si potrà fare la spesa al Consorzio agrario.

[Fonte: Bresciaoggi - 03/11/2004]


Pubblicato da marcomunari.it il 03/11/2004
(17830 letture) | Versione stampabile | Invia |


Commenti
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti
Registrati.

 
pixel
Notizie - Gruppi - Istruzioni RSS - Disclaimer

Sito sviluppato con Postnuke, un Software Libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL | Web design by marcomunari.it